ll Food Craving è un termine che sta ad indicare la cosiddetta fame nervosa o fame compulsiva, cioè quando in assenza di reale necessita fisica, avvertiamo comunque l’inarrestabile voglia di mangiare. Il fenomeno è associabile al Craving nelle dipendenze, nella condotta alimentare il desiderio di cibo irrompe come modo per sottrarsi ad una situazione spiacevole, per allontanare noia, ansia,tristezza, stress, o di qualsiasi emozione che non sappiamo gestire e che prende il sopravvento.

In linea di massima si presentano questi aspetti

• assenza di fame fisiologica • assunzione di cibi salati e dolci in contemporanea o “saltando” da    uno all’altro • inghiottire senza masticare • nascondersi

Al termine dell’attacco di fame lo stato d’ansia sembra essere scemato, ma si affaccia un profondo senso di colpa e/o di disgusto per quello che è stato fatto e per l’incapacità di sottrarsi alla fame nervosa. Se prolungato questo stato può far insorgere ansia e stress e facilitare un l’insorgenza di un nuovo episodio.

COME COMPORTARCI ?

Prima di arrivare ad instaurarsi l’inizio di una vera e propria patologia , è possibile seguire delle regole che possono aiutare in questa situazione.

• Non esagerare con le restrizioni dietetiche, potrebbero rendere ancora più centrale il desiderio di cibo. • Cercate prodotti a basso contenuto calorico, ma gustosi. • Concedetevi degli snack, evitate di arrivare al punto di essere affamati • Tenete un diario in cui descrivere eventuali attacchi di fame nervosa descrivendo il momento della giornata, le emozioni, i pensieri e cosa avete mangiato. Dopo un mese rileggendo il diario chiedetevi se provate ancora le stesse cose. • Cercate di consumare quei carboidrati-salvezza. Il corpo prova bramosia verso cibi molto zuccherati o grassi, cercate di dirigervi verso legumi, frutta, verdure.

Rispondi